ANNO 20 n° 322
Tuscania, una schiacciata per la A2
La squadra di Tofoli ai play off promozione fa sognare un paese intero
15/05/2014 - 04:00

di Domenico Savino

TUSCANIA - Un paese ubriaco di pallavolo. Merito del Tuscania Volley, la formazione che milita nel campionato di serie B1 mascile e che ha guadagnato l'accesso ai play off per la promozione in A2 (il penultimo scalino prima dell'olimpo della pallavolo italiana). Il palazzetto dello sport brulica di tifo e passione: una struttura - forse troppo piccola per ospitare tanto entusiasmo - che due volte al mese si è riempita per abbracciare questi ragazzoni che stanno facendo vivere un sogno. Un catino comunque accogliente che ha fatto diverse vittime: una su tutte la capolista Conad Reggio Emilia che ha vinto il campionato.

Adesso, dopo una cavalcata che ha portato il Tuscania al terzo posto nel girone B, ci sono i play off. Un traguardo che non era facile immaginare ad inizio stagione: dopo il buon esordio dello scorso anno (quinto posto in classifica da matricola in B1), la società si è posta l’obiettivo di migliorare il piazzamento, ma i play off sembravano comunque un’impresa. E invece sono una splendida realtà.

VOLLEY COME TRADIZIONE – Per capire il fenomeno Tuscania basta parlare con il direttore sportivo Sandro Cappelli: ''A Tuscania c’è una lunga tradizione per quanto riguarda la pallavolo sin da 1966 – spiega -. Negli ultimi anni c’è stata una nuova impennata grazie a questa società. Basti pensare che la squadra che ha conquistato la B1 era composta per gran parte da ragazzi del posto (otto, n.d.r.). Parallelamente si è portato avanti il discorso sul settore giovanile: quest’anno l’under 19 ha vinto la prima divisione provinciale e accederà alla serie D, l’under 17 è in semifinale regionale per conquistare le finali nazionali e l’under 14 ha trionfato nel suo girone. C’è una nuova linfa che stiamo alimentando e che ci fa ben sperare per il futuro''. E poi c’è la prima squadra supportata da un tifo incredibile: ''Dopo la vittoria di Santa Croce sull’Arno decisiva per blindare la terza posizione – dice Cappelli - i tifosi hanno aspettato la squadra a Montalto e l’hanno ''scortata'' fino a Tuscania. Segno che la gente ci crede. Il merito? Sicuramente di Paolo Tofoli, una scelta indovinata. Ha un carisma incredibile e riesce a coinvolgere tutti''.

TALISMANO TOFOLI - Quando si parla dell’ex palleggiatore della Nazionale si capisce come sia stato l’artefice dello splendido campionato. Un uomo abituato a vincere e a gestire la pressione: nato a Fermo nell’agosto del ’66, è uno dei pallavolisti più vincenti di sempre. All’attivo 342 partite con la maglia azzurra, 27 medaglie in competizioni internazionali (17 d’oro) e tre alle Olimpiadi (due argenti e un bronzo). Facile comprendere come tutti a Tuscania pendano dalle sue labbra. Ha costruito passo dopo passo la squadra, ne conosce pregi e virtù, sta allevando un gruppo che contiene la giusta esperienza di giovani ed esperti: ''Sento dire che il merito di questi play off è il mio – dice Tofoli – ma mi sento di fare i complimenti alla squadra che ha avuto la capacità di crescere e migliorarsi gara dopo gara. Siamo partiti con l’obiettivo di migliorare il quinto posto e ci siamo trovati a vivere un momento così bello. Questo traguardo lo dedico ai tifosi che ci seguono con tanto entusiasmo sia in casa che in trasferta. Per Tuscania i play off sono un risultato eclatante, ma adesso siamo in ballo e dobbiamo lottare fino alla fine''.

LE TAPPE DEL SOGNO - Il primo step si chiama Isap Lamezia, in Calabria si gioca gara1 domenica 18, gara2 a Tuscania il 21, eventuale ''bella'' a Lamezia il 25. Per Tuscania potrebbe essere un handicap giocare la 'bella' in trasferta: ''Credo che sia un vantaggio per loro – argomenta Tofoli -. Lamezia è una buona squadra: bisognerà fare molta attenzione a Biribanti e Capra, due ottimi giocatori. Ma anche noi, se siamo arrivati a questo punto, abbiamo delle qualità e dobbiamo farle valere sul parquet''. E il ''problema'' di giocare la terza gara lontano dalle mura amiche si potrebbe ripercuotere in un’eventuale semifinale. Ma questo è un altro capitolo del sogno. Per ora Tuscania si coccola i suoi campioni in attesa della schiacciata decisiva.




Facebook Twitter Rss