ANNO 18 n° 87
Oggi l'autopsia sul corpo della Bramante
Chiarirà le cause della morte della donna trovata morta nel congelatore
04/03/2016 - 10:42

RONCIGLIONE – Donna trovata morta nel congelatore, oggi l’autopsia. Sarà affidato stamani l’incarico per svolgere l’esame autoptico sul corpo di Rossana Bramante, trovata morta dentro il congelatore di casa domenica scorsa, per far luce sulle cause del decesso. Decesso che è ancora avvolto nel mistero e sul quale gli inquirenti stanno lavorando senza sosta da quando è avvenuto il macabro ritrovamento: Rossana è stata uccisa e poi fatta sparire nascondendone il corpo nel pozzetto oppure è morta in altre circostanze e poi nascosta chissà per quanto tempo?

 

Dai riscontri dal medico legale che ha eseguito il primo esame esterno sul corpo della vittima non ci sarebbero lesioni superficiali evidenti sul corpo della donna che, sempre in base ai primi accertamenti, sarebbe morta da almeno 12 mesi. Ma solo la relazione finale dell’autopsia, per la quale probabilmente bisognerà attendere almeno un paio di mesi, potrà chiarire tutti questi aspetti.

 

La procura, nel frattempo, ha aperto un fascicolo per occultamento di cadavere e iscritto nel registro degli indagati Ivo Bramante, il fratello ultraottantenne della donna che da luglio è ospite di una casa di cura sempre a Ronciglione. Un atto, questo, a garanzia dell’uomo che può così difendersi e, tramite i suoi legali, nominare un consulente di parte per l’autopsia.

 

Del giallo di Ronciglione se ne occupata anche la trasmissione condotta da Federica Sciarelli e in onda su Rai 3 ''Chi l’ha Visto?''. Il servizio, che si è concluso con l’appello rivolto a chi sia in possesso di informazioni su Rossana Bramante a partire dal 2009 (anno in cui da Castelnuovo di Porto si è trasferita col fratello nel paese cimino) ha più che altro evidenziato aspetti della vita privata della vittima. Dalla testimonianza di una vicina di casa quando la famiglia abitava a Roma si apprende che la Bramante era una donna solitaria, sempre chiusa in casa. Il fratello, invece, un uomo schivo che a malapena salutava. Di fatto, però, da quando si è trasferita a Ronciglione, la Bramante è vissuta come un fantasma. E infatti nessuno, prima della badante che domenica scorsa mentre sgomberava casa ha scoperto il suo cadavere nel congelatore, si era accorto che fosse scomparsa nel nulla.




Facebook Twitter Rss