ANNO 18 n° 323
Zingaretti: ''Il mio primo atto sarà il taglio dei costi della politica'' Storace: ''Ho perso con onore e gliel'ho fatta sudare''
27/02/2013 - 02:02

ZINGARETTI: ''IL MIO PRIMO ATTO SARA' IL TAGLIO DEI COSTI DELLA POLITICA''

VITERBO - 'Il mio primo atto di giunta sarà quello di preparare un pacchetto che segni una discontinuità netta con il passato. Sulla trasparenza e sui tagli ai costi della politica'. Queste prime le parole del neo presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. 'Stileremo un cronoprogramma - ha aggiunto - per tagliare e semplificare le aziende. Ci sono tanti tagli da poter fare senza toccare i servizi, ma i costi inutili'.

Parlando ai giornalisti in una conferenza stampa, tenuta nella tarda serata di ieri nel suo comitato elettorale al Tempio di Adriano Zingaretti ha detto: 'Eredito una Regione in condizioni disastrose. Se fosse un'azienda sarebbe in default con 22 miliardi di debito, una situazione sociale drammatica, aggravata dalle nomine compiute dal Renata Polverini a pochi giorni dal voto, che francamente sono una storia triste. Vorremmo cambiare e cambieremo anche in questo'.

Parlando della sua vittoria Zingaretti ha ribadito: 'E' una grande responsabilità, perché è evidente anche in questo voto che c'é una grande voglia di cambiare. Ora spetta a noi grande coerenza, serietà e non prendere in giro le persone e dimostrare che la buona politica può cambiare un'istituzione governando bene e affrontando anche il tema dello sviluppo e del lavoro”.

STORACE: ''HO PERSO CON ONORE E GLIEL'HO FATTA SUDARE''

Coriaceo e combattente come sempre, Franancesco Storace sapeva che la battaglia sarebbe stata dura, ma sapeva anche che poteva e doveva 'combatterla con onore'. Non ha vinto ma non è un. Anzi chiama lo sfidante ‘’vittorio’’, gli fa gli auguri ma orgogliosamente dice: 'gliel'ho fatta sudare e ho arginato i grillini'. Perde a Roma Storace ma tiene in provincia dove vince nei feudi di destra, Latina e Frosinone: 'non c'é stata la Caporetto dei sondaggi', sottolinea. Ammette, 'la botta è brutta per tutti', ma non si arrende, 'ora a destra bisogna ricostruire un mondo'.

Storace ha parlatonel suo quartier generale, ai Parioli. Con lui il coordinatore del Pdl Lazio Vincenzo Piso, nuovi arrivati e ‘’fedelissimi’’ de La Destra. 'Non è stato facile fare una campagna elettorale con il caso Fiorito alle spalle e con Grillo incombente- ha ammesso Storace -, mi aspettavo un cataclisma e invece sono comunque contento dei risultati. Si può vincere o perdere ma nessuno all'inizio avrebbe scommesso che potevamo uscirne con onore'.

Interpellato sul futuro rapporto con il neo governatore Nicola Zingaretti, Storace risponde: 'Io spero che si riescano a trovare punti di convergenza per la rappresentanza dei diritti dei cittadini, non come hanno fatto loro con la Polverini: solo barricate'. Altrimenti, dice, 'sarà opposizione'. Il leader de La Destra rivendica anche di aver arginato il risultato del Movimento 5 Stelle nel Lazio 'riducendo Grillo dal 30% al 15%'.

Facebook Twitter Rss