ANNO 18 n° 84
Smascherati nella Tuscia cinque falsi invalidi
15/05/2013 - 11:53

VITERBO - Nell’ambito dell’operazione “Vedo o non vedo?”, coordinata dalla Procura della Repubblica di Viterbo (il titolare del fascicolo è il sostituto Paola Conti - i carabinieri del Nas stanno acquisendo, presso gli uffici amministrativi della Asl, la documentazione relativa ai riconoscimenti di invalidità - avvenuti dall’inizio dell’anno - detenuta agli atti della Commissione Medico Legale.

I militari del Nucleo e del Comando provinciale di Viterbo, in particolare, hanno denunciato 5 residenti della provincia riconosciuti affetti da “cecità assoluta” che, invece, svolgevano attività incompatibili con tale infermità (in un caso il “falso cieco” è stato addirittura ripreso mentre svolgeva la mansione di maniscalco provvedendo a ferrare il proprio cavallo in assoluta sicurezza).

Gli indagati, accusati di truffa aggravata, sono ritenuti responsabili di avere indebitamente percepito dall’Inps pensioni di invalidità ed indennità di accompagnamento per infermità riconosciute mediante false certificazioni rilasciate da medici compiacenti.




Facebook Twitter Rss