ANNO 20 n° 292
Maltempo - I pescatori: ''Aiuto, la pesca è la nostra vita''
17/11/2012 - 04:00

VITERBO - “Questa volta la situazione e drammatica e chiediamo aiuto e sostegno economico per la ripresa della nostra attività di pesca. Un'attività che è tutta la nostra vita”.

E’ questo l’appello del presidente della cooperativa dei pescatori di Montalto di Castro Quinto Mazzoni dopo la devastante alluvione che ha distrutto - dice Mazzoni - ''tutto il lavoro, i sacrifici, i progetti in essere e quelli futuri, le imbarcazioni, le reti, tutta la documentazione contabile e i mezzi di sostentamento delle nostre famiglie''.

''Chiediamo soltanto - continua - che le banche con l’amministrazione e le associazioni di categoria ci diano il modo per prendere dei finanziamenti a tasso agevolato in tempi brevi, in modo da poter iniziare ad acquistare tutte le attrezzature e le imbarcazioni per la pesca. Chiediamo, inoltre, che la Regione e il Comune provvedano alla sistemazione della banchina adibita alla pesca. Che al momento non esiste più''.

Lo stesso Mazzoni ricorda poi che i pescatori di Montalto sono una realtà economica e lavorativa che esiste da più di trenta anni e che “con dignità ci siamo sempre rimessi in piedi, perché il mare e parte di noi”.

''I danni sono ingenti e incalcolabili. Di chi è la responsabilità di tutto questo? - Si chiede infine Mazzoni - Non lo so. C'è chi dice che ad oggi i lavori dell’arginatura del fiume per la messa in sicurezza dello stesso dovevano essere già stati effettuati da temp''.

Anche il comitato ''Marina Velka Senza Fango'' pone degli interrogativi e chiede “dove siano finiti gli stanziamenti erogati dalla Regione e chi risarcirà i cittadini nuovamente danneggiati dalla sciatteria dei preposti''.

''In proposito – si legge in una nota del comitato - è stata inoltrata  una diffida al Consorzio di bonifica della Maremma Etrusca e al Comune di Tarquinia, che è auspicabile rispondano nelle sedi opportune delle responsabilità ormai appurate e reiterate. La prevenzione paga! Ma questa forma mentis evidentemente non appartiene ai preposti alla salvaguardia del territorio''.

 




Facebook Twitter Rss