ANNO 18 n° 87
I sette torneranno in consiglio
La crisi ha i giorni contati, la decisione presa ieri sera dai dissidenti del Pd
19/02/2016 - 10:09

VITERBO - I sette torneranno in consiglio comunale, la crisi dei sessanta giorni finisce così. La linea dei consiglieri Pd guidati da Francesco Serra, che il 19 dicembre scorso hanno sostanzialmente sfiduciato il sindaco Michelini, è questa. Partorita all'interno di una riunione nel pomeriggio di ieri, durata più di due ore.

 

Gestazione difficile, dove sono stati analizzati tutti i passaggi degli ultimi due mesi, tra incontri tenuti e quelli saltati, e tentata una lettura dei vari comportamenti assunti dagli attori sulla scacchiera. Lo stesso capogruppo ha ricevuto in queste ore anche una richiesta di incontro dai Mori. Ha intenzione di incontrarsi anche con loro per lavorare al meglio a una ricucitura. A questo punto si attendono passi in avanti e azioni anche da parte del sindaco Michelini. La riunione di maggioranza è la carta da giocare.

 

Alla riunione dei sette il morale non è stato certo dei migliori. ''C'era la possibilità di avere ancora quattro firme per andare dal notaio con le opposizioni e chiudere qui l'esperienza Michelini, a questo punto però non avrebbe più senso. Meglio non spaccare l'esperienza di unità del gruppo'', ci raccontano dopo la promessa dell'anonimato. Di fatto il fronte si è spaccato. Da una parte Arduino Troili, Marco Volpi, Melissa Mongiardo e Mario Quintarelli; le quattro firme possibili. Dall'altra Serra, Patrizia Frittelli e Massimo Cappetti non più disposti a liquidare tutto. Il 26 febbraio quindi tutti, o quasi, torneranno nella sala d'Ercole.

 

Serra spiegherà nei prossimi giorni, probabilmente sabato pomeriggio, il perimetro della soluzione della crisi che ha individuato. Restano insomma da definire gli aspetti di maniera, Michelini va avanti.




Facebook Twitter Rss