ANNO 20 n° 111
I pescatori di Montalto: ''Siamo in ginocchio''
Distrutte le barche e gli uffici delle cooperative
15/11/2012 - 04:00

VITERBO - “In poche ore sono scomparsi gli anni di lavoro e di sacrifici che la cooperativa ha sopportato per la qualificazione del piazzale e per la modernizzazione delle strutture. Sono scomparse le imbarcazioni da pesca, gli uffici, i magazzini dei pescatori e con essi sono affondate le prospettive di crescita che faticosamente la cooperativa era riuscita a intravedere ”.

E’ l’amaro commento dell’Agci Agrital Lazio, l’Associazione generale cooperative italiane, e della Piccola pesca Harmine di Montalto di Castro.

“Nel manifestare la nostra solidarietà a tutti i pescatori di Montalto di Castro - annunciano le cooperative - attiveremo tutte le iniziative a sostegno del settore, interessando le istituzioni ad ogni livello affinché si possa al più presto ripristinare una situazione di normalità che consenta ai pescatori di riprendere il loro lavoro”.

“Nell’immediato – proseguono - daremo inizio alle procedure per il fondo di solidarietà alla pesca e incalzeremo Regione, Provincia e Ministero affinché sia fatto tutto il possibile per mostrare ai pescatori che, in questo momento drammatico, non sono soli. Nel frattempo, appreso dell’imminente emanazione dell’ordinanza comunale che dichiara lo stato di calamità naturale e preso atto degli sforzi della Capitaneria di Porto per garantire, per quanto possibile, la sicurezza degli operatori ed il recupero dei natanti perduti, chiediamo a tutti gli enti preposti di attivare ogni iniziativa utile alla ripresa delle attività di pesca che, ammesso che vada ricordato, è l’unica fonte di sostentamento per le famiglie dei pescatori”.

“Siamo in ginocchio - dichiara Quinto Mazzoni, presidente della Cooperativa Harmine – ma ci rialzeremo, cercando di recuperare i natanti affondati e ricostruendo nel più breve tempo possibile quelli ormai perduti. I nostri sacrifici non possono e non devono essere vanificati”.




Facebook Twitter Rss